skip to Main Content

Il buco, un libro per comprendere il vuoto dentro

Il Buco, Un Libro Per Comprendere Il Vuoto Dentro

Le farfalle nello stomaco, il cerchio alla testa, un buco in pancia.

Certe volte le emozioni hanno forme e immagini precise, anzi, hanno corpo. Per questo “Il buco” di Anna Llenas (Gribaudo) è un meraviglioso albo illustrato… ma anche fotografato. Perché, quando lo sfogli, quel vuoto tu lo puoi realmente toccare.

Così accade che Giulia, la bimba protagonista del racconto, sei tu, con il tuo buco, il tuo vuoto, la tua mancanza, il tuo dolore. O Giulia è tuo figlio, con il suo vuoto, la sua mancanza, il suo dolore. Che in genere è molto più difficile da raccontare e persino da vedere. Un buco di cartone ci può essere d’aiuto. Come lo spioncino per un mondo interiore.

Dal buco di Giulia passa il freddo ed escono mostri.

Non c’è altro rimedio, il buco va tappato. Eppure sembra che nulla possa servire. Né i dolcetti né la tv, e nemmeno i regali. Finché Giulia non resta sola col suo vuoto. Prima è vertigine, poi è una voce nel silenzio. E poi parole nel silenzio, e suoni e colori.

Non svelo il finale perché merita viverlo nelle espressioni disegnate di Giulia e nei pezzi di cartone bucato, ritagliato, dipinto fino a creare scale, foglie, pesci e mongolfiere. Mondi infiniti che si possono scoprire solo guardando nel nostro buco. O in quello di nostro figlio. E quello sì che richiede coraggio. Richiede di ammettere che qualcosa manca, e che la vita toglie per colpa di qualcuno o di nessuno, toglie e basta. Richiede di passarci attraverso, di non ignorarlo. O il freddo continuerà a sentirsi e i mostri a venirne fuori. Richiede di ammettere che nel vuoto si avranno le vertigini, ma poi la vista sarà più ampia.

Di Anna Llenas puoi leggere anche Talpino terremoto.

error: Il contenuto è protetto da copyright
×Close search
Cerca