skip to Main Content

Educatore arrestato per maltrattamenti

Educatore Arrestato Per Maltrattamenti

Arcella, Padova – 1 Ottobre 2019

Educatore arrestato a Padova con l’accusa di aver compiuto maltrattamenti sui bambini dell’associazione Bangladesh Cultural Center di via Jacopo da Montagnana all’Arcella. Il ragazzo di 23 anni originario del Bangladesh e imam della comunità islamica padovana, avrebbe picchiato, offeso e minacciato i bambini di età compresa tra cinque e dieci anni durante l’ora di religione. L’indagine è stata coordinata dalla Procura della Repubblica. Un’altra associazione di Pieve di Soligo che unirebbe, come questa, numerosi cittadini del Bangladesh residenti nel padovano, sarebbe stata già in precedenza oggetto d’indagine con le medesime accuse.

Le segnalazioni delle maestre della primaria che hanno portato all’indagine

Le indagini sarebbero partitenell’estate 2019 grazie alle segnalazioni delle insegnanti di una scuola primaria di Padova. Le maestre, avendo ascoltato i racconti dei loro allievi -tutti originari del Bangladesh- che frequentavano l’associazione per diverse ore al giorno, hanno deciso di segnalare -come per altro la legge impone loro di fare- i loro dubbi alle autorità.

L’educatore arrestato in via cautelare

Il 1 Ottobre 2019, l’educatore è stato arrestato in via cautelativa dalla DIGOS della Questura di Padova durante una delle sue lezioni di religione. La misura cautelare in carcere è stata disposta dal GIP del Tribunale di Padova sulla base degli elementi emersi nell’indagine per maltrattamenti ai danni di minori (572 cp).

L’arresto cautelativo è avvenuto per evitare che il giovane imam – che teneva quotidianamente lezioni di religione nell’Associazione del padovano e che si occupava anche quotidianamente delle preghiere dei fedeli – potesse reiterare il reato, inquinare le prove o fuggire nel proseguo delle indagini.

Violenza inaudita sui bambini della comunità

Strattoni, minacce ma anche pugni alla testa. L’ora di religione era diventata per i bambini una guerra nella quale fatta di abusi e castighi che avevano già cominciato a compromettere il loro equilibrio psico-fisico.

Secondo la ricostruzione dei fatti, pare che uno dei bimbi un giorno abbia addirittura detto ad un proprio compagno: “ma perché non lo denunci in Questura?”. Sempre secondo le indiscrezioni riportate da Il Mattino di Padova, pare che l’educatore arrestato percuotesse i bimbi anche utilizzando un grosso pennarello.

La contrarietà dei parlamentari della Lega e il ringraziamento delle istituzioni alla magistratura

Andrea Ostellari, senatore padovano della Lega nonché presidente della commissione giustizia a Palazzo Madama, avrebbe inoltre chiesto “all’Amministrazione comunale della mia città di chiudere il centro islamico di via Jacopo da Montagnana, da sempre noto in quartiere, per i disagi che provocano i suoi frequentatori (…) e che sia avviato un controllo su tutti i centri islamici presenti sul nostro territorio”.

Sergio Giordani invece, sindaco di Padova, ha tenuto a fare “un ringraziamento e i più sinceri complimenti alla Procura e alla Digos per il lavoro di indagine che ha portato ai provvedimenti”. E ancora “I bambini non si toccano e questo lavoro intelligente delle Istituzioni per circoscrivere e reprimere fenomeni inaccettabili è il primo pilastro di una positiva integrazione per la quale tutti dobbiamo lavorare”.
“È significativo e fa davvero ben sperare
– aggiunge il primo cittadino – che l’operazione in oggetto sia frutto della consueta professionalità di Magistratura e Forze dell’Ordine in un rapporto di ascolto e collaborazione con il mondo scolastico e con la stessa comunità islamica locale”

La Via dei Colori Onlus è a disposizione delle Forze dell’Ordine e delle famiglie coinvolte. Chiunque abbia bisogno può contattarci al Numero Verde 800-98.48.71. O scrivendo a: sos@laviadeicolori.org. La Via dei Colori offre consulenza tecnica e informativa gratuita. A tutti i soci offriamo sostegno legale e psicologico specializzato in caso di maltrattamenti presunti o documentati.

×Close search
Cerca