skip to Main Content

Grosseto, molestie sessuali dal fisioterapista

Grosseto, Molestie Sessuali Dal Fisioterapista

Grosseto – 18 Aprile 2016 – Agg. 20 Mag 2018

Molestie sessuali dal suo fisioterapista. Per questo Sofia Mangiarotti si rivolge a Le Iene, per smascherare con una telecamera nascosta il terapeuta che usava manovre ambigue e teneva la paziente a seno nudo.

Le sedute a seno nudo

Sofia Mangiarotti, 48 anni, ex insegnante originaria di Cremona, vive a Grosseto. A causa di una patologia autoimmune soffre di forti dolori, soprattutto alla schiena. Per questo nel 2005 si reca da un fisioterapista della città. Subito l’uomo la tiene a seno nudo per tutta la seduta, le scopre i glutei abbassando gli slip nonostante la donna indossi i leggins. Dopo qualche seduta, si spinge oltre.

Dal trattamento alla molestia sessuale: il video de Le Iene

Inizia così ad adottare manovre ambigue. Poggia tutto il suo corpo e spesso i suoi genitali nella mano della paziente. La donna si sottopone a circa 5 trattamenti l’anno fino al giorno in cui lui mette la mano sui genitali della signora. Sofia smette di frequentare lo studio ma, pensando che possa fare lo stesso con altre pazienti, prova a chiedere aiuto a un avvocato e a un Centro Antiviolenza. In molti le dicono che il processo sarebbe difficile senza un video, sarebbe la parola di lei contro quella di lui. Così decide di rivolgersi alla trasmissione Mediaset. Si reca di nuovo dal fisioterapista ma stavolta una telecamera nascosta de Le Iene riprende tutto. Due sedute da un’ora, una in luglio e una in settembre 2015. Il servizio va in onda il 17 aprile 2016.

Altre denunce

Tra il 17 e il 19 aprile la signora viene contattata da altre donne che ritengono di aver subito lo stesso trattamento molesto. Sofia prova a denunciare ma sono passati sette mesi dall’ultimo fatto avvenuto e la legge lo consente solo entro i sei mesi. Fanno denuncia altre donne e due querele vengono presentate l’11 e il 19 Maggio 2016. Una delle due querelanti nel Marzo 2018 si rivolge a La Via dei Colori, ed assume la sua difesa l’Avv. Canobbio, direttore del nostro Comitato scientifico.

Il patteggiamento

Il 10 Aprile 2018 Antonio Giuseppe Malatesta patteggia la pena di un anno e quattro mesi di reclusione. La pena base di cinque anni è ridotta per via delle attenuanti e del rito speciale. Il Gip di Grosseto, Marco Bilisari, parla di un “disegno criminoso”. Leggi il comunicato con le dichiarazioni delle donne.

La difesa: Nessuna responsabilità, patteggiamento solo per evitare stress

La difesa, sostenuta dagli Avv. Carlo Valle e Alessandro D’Amato, chiarisce che “Malatesta ha fatto questa scelta al solo fine di evitare lo stress insopportabile di un lungo dibattimento ricordando che l’esordio del procedimento ha avuto origine da specifici scoop mediatici, essendo quindi assai ragionevole ritenere che inevitabilmente sarebbe stato accompagnato, nella sua fase giudiziale evolutiva, da altrettanti contrappunti mediatici“. “Segnaliamo – dicono i legali – che l’indagato ha sempre contestato decisamente ogni responsabilità“.

La vicenda giudiziaria

  • 2005: Sofia Mangiarotti inizia le sedute dal fisioterapista Antonio Malatesta
  • 17 Aprile 2016: Servizio de Le Iene
  • Febbraio 2018: Sofia si rivolge a La Via dei Colori
  • Marzo 2018: Una delle donne coinvolte nel processo penale, si rivolge a La Via dei Colori
  • 10 Aprile 2018: Patteggiamento
×Close search
Cerca