skip to Main Content

Il ritorno a scuola: non tutte sono maestre cattive

Il Ritorno A Scuola: Non Tutte Sono Maestre Cattive

Cosa prova un genitore quando, dopo il maltrattamento del bambino, deve affrontare il suo ritorno a scuola e affidarlo ad altre mani? Lo racconta bene una mamma de La Via dei Colori.

Le paure e la sfiducia

E così da settembre la mia bimba ha iniziato a frequentare la nuova scuola. Le paure erano tante, e tanta la sfiducia nei confronti di chi si deve occupare di lei durante la mia assenza. Quelle ore sembravano non passare mai. All’una correvo a prenderla, e a ogni suo “sai, mamma, oggi…” il cuore mi sobbalzava fino ad arrivarmi in gola.

Nuovi racconti e la gioia di andare a scuola

Poi, invece, i suoi “sai, mamma oggi” non erano altro che “ho colorato”, “mi sono divertita tanto“, “la maestra ci ha insegnato tante cose belle”, abbiamo giocato insieme alla maestra”, “guarda, mamma, la maestra mi ha regalato la Madonnina”, “ho mangiato tutto”, “la maestra mi fa divertire: fa scoppiare la carta delle brioches“. Insomma, frasi che non avevo mai sentito prima. Torna sorridendo, abbraccia e bacia le sue maestre e il giorno dopo non vede l’ora di tornare a scuola e guai a saltare un giorno!

Non tutte sono maestre cattive, ora vedo il lato migliore

Mi devo ricredere, egoisticamente avevo pensato che fossero tutte “cattive”, che tutte fossero uguali e non potevo più fidarmi o voltare le spalle affidando loro la cosa più importante che ho. Non è così, ora vedo il lato migliore, vedo tutto diverso anche se ancora mi preoccupo per un “sai, mamma, oggi”. Anche se non so come si chiuderà la storia in cui siamo dentro. Mi auguro solo una cosa: spero che tutti i bambini che hanno subito possano tornare a sorridere e a rimarginare le loro ferite.

×Close search
Cerca