skip to Main Content

La maestra accusata di picchiare i bambini.

Per leggere l’articolo di per Giornalettismo, clicca QUI.

24/12/2012 – Un’insegnante di Luras (Olbia-Tempio) è stata accusata dalla mamma di un alunno di 8 anni.

Una maestra elementare di Luras, nella provincia di Olbia Tempio, è stata denunciata per maltrattamenti ai danni degli allievi. Sono stati i genitori di uno scolaro di otto anni a presentare alla Polizia e al Provveditorato agli studi una lettera che racconta di comportamenti violenti dell’insegnante.

BOTTE CON LA BACCHETTA – La mamma del bambino ha affermato di essere stufa di vedere suo figlio maltrattato. La maestra avrebbe usato perfino le bacchettate per punire l’alunno. Del caso parla oggi il quotidiano L’Unione Sarda in un articolo a firma di Sebastiano Depperu:

«Confidiamo nell’intervento delle autorità, per porre rimedio a questa situazione che va avanti da metà ottobre». La mamma aggiunge: «Il bambino è pure finito al pronto soccorso, per un colpo alla milza ricevuto dai compagni». I genitori raccontano: «Il bambino, rientrando da scuola, piuttosto turbato raccontò di aver pianto a causa dei ripetuti rimproveri della maestra che, nel corridoio, in presenza di altre insegnanti lo sgridò ad alta voce in quanto sosteneva che il bambino non avesse presentato il certificato medico per un’assenza di tre giorni». «A quel punto, dopo altri episodi – spiega la mamma – mi sono recata dalla dirigente scolastica per informarla dei atti. La prima proposta fu un cambio di sezione. Ipotesi scartata perchè ce n’è una sola, con la richiesta di mantenere la calma e la rassicurazione che lei avrebbe risolto il problema: così è stato e, per un pò di tempo, la situazione è tornata alla normalità». Alcuni alunni della stessa classe hanno raccontato che «il 3 dicembre, il bambino è stato bacchettato dall’insegnante mentre sfogliava un libro e la donna, più volte, ha colpito il libro nel tentativo di percuotere le mani che il bambino, impaurito, cercava di nascondere. Tutto questo con le risate dei compagni».

I TESTIMONI – Stando a quanto racconta la mamma dell’alunno maltrattato, i comportamenti violenti della maestra sarebbero stati confermati da un’altra insegannte. Riporta ancora Depperu sull’Unione Sarda:

Il 6 dicembre c’è stato un incontro straordinario tra genitori e insegnanti. «In quell’occasione – dice la mamma – ho preso la bacchetta in mano e, avvicinandomi alla dirigente e alla maestra ho chiesto a quest’ultima di mostrare come il giorno prima l’avesse utilizzata su mio figlio. Lei si è difesa dicendo di non averla utilizzata, contraddicendo di fatto un’altra maestra che ha sostenuto il contrario».

×Close search
Cerca