skip to Main Content

Maltrattamenti in asilo a Vercelli: lividi al viso e labbro rotto

Maltrattamenti In Asilo A Vercelli: Lividi Al Viso E Labbro Rotto

Crescentino (Vc) – 11 Aprile 2019 – Agg. 12 Aprile 2019

Con lividi al viso e labbro rotto. Così era tornata a casa una bimba di tre anni, e non era la prima volta. Di questo e altri episodi di maltrattamenti sono accusate due maestre di una scuola d’infanzia privata di Crescentino, nel vercellese. Non potranno insegnare per un anno.

Una bimba con lividi al viso e labbro rotto

Le indagini partono dalla denuncia di una mamma, a fine 2018. La sua bimba, quasi tre anni, torna a casa con lividi al viso e labbro rotto. Non era la prima volta che tornava a casa coi lividi ma sempre le lesioni erano giustificate dal comportamento vivace dei piccoli. Questa volta la mamma non è convinta dalle spiegazioni delle maestre che parlano di caduta accidentale.

La denuncia

La mamma si rivolge ai carabinieri di Crescentino e così partono le indagini che si avvalgono di intercettazioni audio e video. Gli inquirenti, coordinati dal sostituto procuratore Davide Pretti, riscontrano il reato di maltrattamenti.

Le maestre accusate e la misura cautelare

I maltrattamenti sono contestati a due maestre, 45 e 31 anni, che nel pomeriggio del 10 Aprile 2019 vengono raggiunte dalla misura cautelare: divieto di esercitare l’attività di insegnante per un anno. L’interdizione vale per strutture pubbliche e private.

Le altre due maestre

Nella scuola dove si sono verificati i fatti lavorano altre due maestre, non coinvolte nell’indagine. Saranno loro a garantire il servizio di asilo alle famiglie.

Le dichiarazioni della struttura scolastica

La struttura scolastica assicura di essere estranea ai fatti: “Il sottoscritto Giuseppe Malinverni, in qualità di legale rappresentante dell’ente, comunica che il nostro asilo, scuola dell’infanzia paritaria, Ente Morale, convenzionata con il Comune di Crescentino e la Regione Piemonte, è del tutto estranea ai fatti riportati. La gestione del nido è di competenza della cooperativa Baby House che ha un regolare contratto di affitto dei locali. Siamo anche noi molto dispiaciuti di quanto accaduto e vi assicuriamo che l’attività presso il nostro asilo continuerà regolarmente”.

 

La Via dei Colori Onlus è a disposizione delle Forze dell’Ordine e delle famiglie coinvolte. Chiunque abbia bisogno può contattarci al Numero Verde 800-98.48.71. O scrivendo a: sos@laviadeicolori.org. La Via dei Colori offre consulenza tecnica e informativa gratuita. A tutti i soci offriamo sostegno legale e psicologico specializzato in caso di maltrattamenti presunti o documentati.

error: Il contenuto è protetto da copyright
×Close search
Cerca