skip to Main Content

Milano, abusi su una bimba di 3 anni: 3 anni e 4 mesi per la segretaria dell’asilo.

Si toglieva la parrucca per abusare della bimba(Articolo a Cura di Ilaria Maggi)

Milano, 8 Giugno 2013 – La segretaria di una Scuola Materna Comunale di Milano, M.B., 54 anni, è stata rinviata a giudizio accusata di violenza sessuale e percosse ai danni di una bimba di soli tre anni. Secondo le indagini, il Luglio 2011 la piccola frequentava il centro estivo, quando la segretaria cominciò a destare interesse per la bambina.  Le crisi di pianto inconsolabile e lo stato inquietudine improvviso notati sulla bimba, portarono ben presto i genitori a verificare con la piccola quei dubbi atroci che poi purtroppo si sono rivelati fondati. Dai racconti della piccola sembra che la donna, durante il solito ‘riposino’ pomeridiano dei piccoli, si togliesse la parrucca che abitualmente usava a seguito della cura anti-tumore e fingendosi un uomo, rivolgeva attenzioni molto particolari alla bambina unitamente a minacce e percosse. 

LA VICENDA:

  • 2 agosto 2011 – I genitori presentano una dettagliata denuncia contro ignoti ai carabinieri, e dopo una lunga e articolata indagine, la realtà che viene alla luce lascia tutti inorriditi. La donna viene iscritta nel registro degli indagati e rinviata a giudizio.
  • 31 gennaio 2012 – A seguito dell‘incidente probatorio sulla piccola che ha permesso di confermare e rafforzare le indagini iniziali avvenuto davanti al GIP di Milano Chiara Valori, l’ex operatrice dell’asilo comunale e’ stata rinviata a giudizio. L’ex operatrice dell’asilo comunale negli interrogatori ha sempre negato le accuse.
  • giugno 2013 – Il GUP Stefania Pepe manda a processo l’ex segretaria. Nel dibattimento i genitori della bimba si sono costituiti parte civile, assistiti dal legale Francesco Lorusso. I giudici gli hanno riconosciuto un risarcimento a titolo di provvisionale a carico dell’imputata.
  • 17 gennaio 2014 – L’accusa a carico della segretaria (adesso in pensione) è di violenza sessuale aggravata a danno di un bimbo ed una bimba che avevano al tempo dei fatti fra i 3 e i 4 anni. Il PM di Milano Luca Gaglio ha chiesto la condanna a 6 anni e 3 mesi di carcere.
    I familiari, assistiti dai legali Francesco Lorusso e Laura De Rui, si sono costituiti parti civili nel dibattimento.
  • 28 gennaio 2014 – L’ex operatrice di una scuola materna comunale di Milano, precedentemente assolta per il reato di percosse, ha ricevuto una condanna di 3 anni e 4 mesi di reclusione per l’accusa di violenza sessuale.  Lo ha deciso la quinta sezione penale del Tribunale del capoluogo lombardo al termine del processo seguito all’inchiesta coordinata dal PM Luca Gaglio. La donna era anche accusata di percosse, ma per quest’ultimo reato il collegio, presieduto da Annamaria Gatto, ha decretato l’assoluzione.

 

×Close search
Cerca