skip to Main Content

Obbligo di dimora e interdizione per la maestra

Obbligo Di Dimora E Interdizione Per La Maestra

Baiano (AV) – 16 Luglio 2015 – Agg. 18 Luglio 2015:

Le accuse pesantissime stavolta arrivano ad una maestra della provincia di Avellino. Nel tardo pomeriggio del 16 Luglio 2015, i militari del N.O.R.M. – Aliquota Operativa, hanno prelevato l’insegnante cinquantenne accusata di maltrattamenti e l’hanno condotta al Comando Compagnia al fine di notificarle la misura cautelare decisa dal Tribunale di Avellino.
La donna residente a Sperone e impiegata nella Scuola Materna Giovanni XXIII di Baiano da circa 3 anni, ha ricevuto la notifica dell’obbligo di dimora nel comune di residenza e dell’interdizione dalla professione per 12 mesi

Le indagini, come spesso accade, hanno avuto inizio circa tre mesi fa dopo che alcuni genitori hanno deciso di raccontare i loro dubbi al Comando dei Carabinieri che subito si sono adoperati per accertare l’effettiva situazione dei fatti. Secondo le ricostruzioni, i genitori preoccupati e sospettosi si erano già rivolti in un primo momento a Felice Colucci, Preside dell’istituto, raccontando alcuni episodi di maltrattamento. Venuta però a sapere di queste confidenze, la maestra in questione aveva convocato una “riunione straordinaria” all’interno di un bar, minacciando poi i genitori di ripercussioni sui loro figli, qualora questi non avessero ritrattato la versione data al Preside.
Secondo le indagini coordinate dalla Procura della Repubblica di Avellino e dirette dal Procuratore Rosario Cantelmo, la donna per oltre un anno avrebbe usato maltrattamenti nei confronti dei suoi piccoli allievi di circa 3 anni; percosse, vessazioni, tirate di capelli, schiaffi sulla testa, grida e umiliazioni pare fossero all’ordine del giorno e che abbiano portato i bimbi in una condizione di terrore.

Fra i vari episodi riportati nelle indagini e fortunatamente ripresi e registrati dalle telecamere installate dal Comando dei Carabinieri di Baiano coordinati dal Capitano Ianniello, in un’occasione la donna avrebbe introdotto un fazzoletto di carta nella bocca di un bimbo al fine di “insegnargli” a non mettersi oggetti in bocca; in un’altra occasione avrebbe trascinato una bimba per i piedi solo perché la piccola non voleva mettersi il grembiulino.

Obbligo di dimora e interdizione per la maestra

Felice Colucci, sentito a riguardo della vicenda racconta che già dai primi mesi dell’anno, dopo numerose segnalazioni, aveva provato in ogni modo a far cambiare atteggiamento alla donna, prima verbalmente con un invito ad evitare gli atteggiamenti aggressivi e non consoni al suo ruolo e successivamente con un provvedimento disciplinare che invece che risolvere la situazione l’ha invece peggiorata. La maestra infatti, raggiunta dal provvedimento della presidenza, ha denunciato il Preside per Mobbing dando il via ad un Processo che inizierà il 30 Settembre 2015.

Come di consueto La Via dei Colori Onlus si mette a disposizione delle Forze dell’Ordine e di tutte le famiglie coinvolte che possono contattarci al Numero Verde 800-98.48.71 oppure inviandoci una mail ad associazionelaviadeicolori@gmail.com

×Close search
Cerca