skip to Main Content

Palermo, insulti e minacce in asilo: Ti spacco la faccia

Palermo, Insulti E Minacce In Asilo: Ti Spacco La Faccia

Palermo – 2 Novembre 2019

I maltrattamenti sospettati a Palermo sono soprattutto verbali. Insulti e minacce come: “Ti spacco la faccia” o “ti svito la testa” sarebbero stati rivolti a bambini di 3 e 4 anni dalla maestra e tre assistenti dell’asilo Petrarca di via Giusti. Il caso viene così ricostruito sul Giornale di Sicilia.

Il bambino col registratore addosso

I fatti risalgono al Febbraio 2016, anno in cui il padre di un bambino, insospettito dall’afflizione di suo figlio, lo manda in asilo con un registratore addosso. Registrati molti comportamenti anomali, l’uomo si confronta con altri genitori e così sono quattro le famiglie che presentano un esposto, cui si aggiunge la denuncia del proprietario della scuola paritaria, Luciano Anello, che allontana quattro dipendenti.

Le trascrizioni

L’intercettazione è depositata in vista dell’udienza preliminare. Le trascrizioni sono ad opera di un consulente dei Pm Giorgia Righi e Sergio Mistritta, constano di 174 pagine contenenti urla, pianti dei bambini, insulti e minacce accanto a epiteti come “gioia” e “amore”.

Insulti e minacce

Ti svito la testa, “ti spacco la faccia”, “ti tiro una sedia”, “sei un cretinoide” o “la smetti di fare lo stupido?” sono alcune delle frasi intercettate in aula. A un certo punto della trascrizione si legge che un bimbo “sembra subire qualche colpo, lamentarsi, piangere” e la maestra avrebbe detto: ““Dovete andare a casetta e dire ai vostri genitori che lui fa male e che non lo volete come compagno… Glielo dici poi a papà quando ti viene a prendere, amore?”. In altri momenti si sente dire con tono minaccioso “tanto là non ci vai tu, stai tranquillo… A me non devi sfidare, ok?”. Tra le registrazioni, anche uno scambio di battute tra due indagate: “Tu u pigghi pi deficienti addu picciriddu”, “Per com’è!” e poi ridono.

In attesa dell’udienza preliminare

Sono quattro donne le persone sotto accusa per maltrattamenti: A.P., 39 anni, M.T.V., 48 anni, G.M., 59 e M.C. di 45 anni. Tutte in attesa di udienza preliminare.

La Via dei Colori Onlus è a disposizione delle Forze dell’Ordine e delle famiglie coinvolte. Chiunque abbia bisogno può contattarci al Numero Verde 800-98.48.71. O scrivendo a: sos@laviadeicolori.org. La Via dei Colori offre consulenza tecnica e informativa gratuita. A tutti i soci offriamo sostegno legale e psicologico specializzato in caso di maltrattamenti presunti o documentati.

 

×Close search
Cerca