skip to Main Content

Pordenone, quattro maestre sotto accusa per botte e urla

Pordenone, Quattro Maestre Sotto Accusa Per Botte E Urla

Pordenone – 3 Marzo 2018 – Agg. 9 Aprile 2019

Botte e urla, umiliazioni e teste sbattute sui banchi. Due maestre indagate e raggiunte dall’ordinanza di misura cautelare che ne prevede l’interdizione. Le donne, di 46 e 20 anni, insegnavano nell’asilo nido e scuola d’infanzia privata “La piccola Perla” di Orcenico Superiore, Pordenone. Entrambe sono accusate del reato di maltrattamenti (572 c.p.). Oltre alle due donne interdette, indagate anche due insegnanti e un inserviente che pare sapessero tutto.

Botte e urla, umiliazioni e teste sbattute sui banchi

Le indagini, coordinate dalla procura di Pordenone e dal Colonnello Marco Campaldini, partono dalla denuncia di alcuni genitori impensieriti dai cambiamenti improvvisi e apparentemente immotivati dei bambini.
Le telecamere nascoste confermano i dubbi. Botte e strattoni anche per futili motivi, come un bimbo che faceva cadere l’acqua o una sedia spostata che faceva ridere i piccoli. Umiliazioni e teste sbattute sui banchi, schiaffi alla testa, alle guance, alla nuca. Vessazioni e urla, anche a pochi centimetri dal viso, sembra fossero all’ordine del giorno, tanto da terrorizzare i bambini.

Scuola sotto sequestro​

A seguito delle indagini, la scuola finisce sotto sequestro. La struttura, che comprendeva sia l’asilo nido sia la scuola d’infanzia, viene chiusa nella mattina del 3 Marzo 2018. Alle due maestre è imposto, in via cautelativa, il divieto di lavorare in qualsiasi ente pubblico o privato. L’interdizione è disposta dal gip Monica Biasutti. L’accusa è di aver maltrattato circa 20 dei loro alunni con età inferiori ai 6 anni.

Le urla della maestra: Se mi mettono le telecamere, vengono i carabinieri

Una pazza sono io… una pazza” è una delle frasi intercettate nella sala mensa dell’asilo, come si legge su Il Gazzettino. La maestra urla e afferma: “Il primo che apre la bocca, ti giuro, che si alza, va avanti e non mangia… Il primo che parla gli sbrego la maschera… Se mi mettono le telecamere, qua mi vengono i carabinieri subito”. L’interrogatorio di garanzia è previsto per il 9 marzo.

Una maestra patteggia: un anno e sei mesi

Il 4 Dicembre 2018 la maestra più giovane, N.G, 20 anni, patteggia un anno e sei mesi di reclusione, con sospensione condizionale della pena. Era alla sua prima esperienza lavorativa, quando si è trovata coinvolta nelle indagini. La sua difesa ha affermato che gli episodi a lei imputati non consistevano in atti di violenza.

Altre due maestre patteggiano

Nell’Aprile 2019 altre due maestre patteggiano. Dinanzi al giudice Rodolfo Piccin, Antonella Benedet concorda una pena di un anno e 11 mesi e Debora Amore patteggia un anno e quattro mesi. “E ora tornano a lavorare a scuola. Come se nulla fosse accaduto”, commenta una mamma. Leggi il Comunicato stampa.

La Via dei Colori Onlus è a completa disposizione delle Forze dell’Ordine e delle famiglie coinvolte. Chiunque abbia bisogno può contattarci attraverso il nostro Numero Verde 800-98.48.71 oppure scrivendo alla mail sos@laviadeicolori.org. Dal 2010, La Via dei Colori offre consulenza tecnica e informativa gratuita. A tutti i soci offriamo sostegno legale e psicologico specializzato in caso di abusi presunti o documentati.

Il Video

 

SE VUOI APPROFONDIRE ACCEDI ALL’AREA RISERVATA

×Close search
Cerca