skip to Main Content

Roma, maestro accusato di maltrattamenti in asilo

Roma, Maestro Accusato Di Maltrattamenti In Asilo

Roma – 28 Marzo 2019 – Agg. 1 Aprile 2019

Sospensione e divieto di avvicinamento per un maestro accusato di maltrattamenti in una scuola d’infanzia di Roma. Sarebbero 19 le piccole vittime.

La denuncia delle famiglie

Le indagini partono a dicembre 2018 con la denuncia di alcune famiglie che avevano notato comportamenti anomali nei propri figli. Inoltre i bambini rifiutavano di andare in asilo e raccontavano di ricevere botte dal maestro.

I maltrattamenti: schiaffi e punizioni

Le telecamere nascoste nella scuola in zona portuense, a sud della Capitale, mettono in evidenza violenze fisiche e psicologiche: urla, schiaffi, spinte, sculacciate, colpi alla testa, punizioni e umiliazioni. Chi doveva andare in bagno veniva messo faccia al muro finché non poteva più trattenersi. I bambini vittime dei maltrattamenti risultano 19.

Le frasi intercettate

Il maestro era solito costringere i bimbi a fare un riposino in modo da potersi allontanare. Tra le frasi intercettate, si sente dire a una bimba che non voleva dormire: “Ti gonfio come una zampogna“, dopo averla picchiata. O a un’altra impaurita dalla porta chiusa: “Non la apro, ci stai fino a domani, ti butto le bambole al secchio, se svegli tutti ti sbatto la schiena, e se ti addormenti fra mezz’ora ti sveglio ogni secondo“. E ancora: “Basta, ti lego al letto“. A un bambino che si lamentava per essere stato preso dalla testa, il maestro risponde: “Non mi rispondere che ti faccio volare fuori dalla scuola, quelle sono lacrime di coccodrillo“.

Sospensione e divieto di avvicinamento

Il maestro accusato è un uomo di 42 anni, raggiunto da misure cautelari: sospensione dal pubblico servizio e divieto di avvicinamento ai bambini. A coordinare le indagini è il procuratore aggiunto Maria Monteleone.

La richiesta di rinvio a giudizio

A Giugno 2019 la Procura chiede il rinvio a giudizio. La decisione spetta al Gup, udienza prevista per il 6 Luglio.

La Via dei Colori Onlus è a disposizione delle Forze dell’Ordine e delle famiglie coinvolte. Chiunque abbia bisogno può contattarci al Numero Verde 800-98.48.71. O scrivendo a: sos@laviadeicolori.org. La Via dei Colori offre consulenza tecnica e informativa gratuita. A tutti i soci offriamo sostegno legale e psicologico specializzato in caso di maltrattamenti presunti o documentati.

SE VUOI APPROFONDIRE ACCEDI ALL’AREA RISERVATA

×Close search
Cerca