skip to Main Content

Squinzano, maltrattamenti e abusi su bimbi di 3 anni

Squinzano (LE) – 9 Dicembre 2011

(A cura di Benedetta Maffia)

Avrebbe maltrattato e palpeggiato bambini di 3 anni con calci e pugni in tutte le parti del corpo. Uno di loro sarebbe anche stato colpito sui testicoli. Con queste pesantissime accuse ha patteggiato una pena di due anni una maestra di una scuola dell’infanzia di Squinzano in via Tagliamento.

LA VICENDA

L’indagine è partita dopo la denuncia di alcuni genitori dei bimbi che sarebbero stati maltrattati. Le mamme e i papà, allarmati dai comportamenti innaturali che i piccoli avevano una volta rientrati a casa, hanno deciso di raccontare tutto ai carabinieri. I piccoli erano nervosi, piangevano senza motivo e avevano difficoltà nell’addormentarsi. Sui loro corpi i segni inequivocabili dei maltrattamenti: graffi, lividi ed ematomi.

Secondo i genitori la maestra (attualmente non in servizio) avrebbe anche colpito con un calcio ai testicoli un bambino di 3 anni, rendendo necessario il ricorso al ricovero ospedaliero. A confermare la deposizione dei genitori una bidella, che potrebbe essere ascoltata dal sostituto procuratore di Lecce, Carmen Ruggiero, che ha iscritto la maestra nel registro degli indagati, con l’accusa di maltrattamento di minore e abuso dei mezzi di disciplina.

28 Marzo 2012 – Il sostituto procuratore Carmen Ruggiero ha chiesto l’incidente probatorio che dovrà verificare quelle che al momento sono solo ipotesi

10 gennaio 2014 – La maestra patteggia due anni di reclusione. Il suo avvocato Massimo Manfreda ha concordato la condanna con il pm Carmen Ruggiero. Il giudice Acide Maritati l’ha accolta.

×Close search
Cerca